Tasse sul Trading Opzioni


Indici USA, sintesi settimanale al 24 giugno

06/24/2013
Dow Jones a quota 14,799.40 segnato da una flessione settimanale del -1,80%. Per la giornata di Venerdì il risultato è però positivo in ragione del + 0,28%.Il Nasdaq da 3,423 della settimana scorsa passa a 3,357.25 di Venerdì, ...
Leggi tutto

Investire in Opzioni Apple, sintesi settimanale

06/04/2013
Ecco alcune news utili a tutti coloro che desiderano investire in opzioni Apple. Ancora problemi fiscali al centro di Apple. Dopo la piccola chiacchierata di Tim Coock col senato americano, a Capitol Hill, diffusa in diretta mondiale dalle ...
Leggi tutto

Segnali per investire in opzioni su indici

05/17/2013
Nella giornata di ieri giovedì 16 maggio abbiamo avuto ottimi segnali per investire in opzioni su indici e puntare su dei CALL/PUT nella giornata di lunedì 20. Il primo segnale viene dall'oriente e precisamente dal Giappone. Come ben ...
Leggi tutto

In questa pagina cercheremo di fare un po' di chiarezza per quanto riguarda le tasse sul trading opzioni binarie, anche se per la delicatezza dell'argomento vi consigliamo di aggiornarvi alle normative in vigore nel momento in cui leggete questo articolo, magari chiedendo un consiglio al vostro commercialista. Purtroppo le norme cambiano di legislatura in legislatura, così come ben sapete. Intanto, chiariamo che eventuali dichiarazioni vanno svolte dagli stessi trader e non dai broker, perciò non vi aspettate che qualcuno le faccia al posto vostro. Il secondo fattore da valutare è che le opzioni binarie sono state equiparate ai CFD, perciò sono strumenti finanziari che sottostanno alle stesse regole, che finora ci sono ben chiare. Infatti, il Decreto Legge n. 138/2011 convertito nella Legge n.148/2011 e il Decreto Legge n.216/2011, entrati in vigore all’inizio del 2012, prevedono che l’aliquota da imporsi su rendite finanziarie, redditi da capitale e redditi diversi sia del 20%. A questo si aggiunge la risoluzione 102/E datata ottobre 2011 ed emessa dall’Agenzia delle Entrate, riguardante la negoziazione di CFD (Contracts for Difference) nel quale i CFD vengono equiparati a strumenti finanziari qualora la compravendita di titoli o valute non abbia uno scopo meramente commerciale, pertanto sono sottoposti alle aliquote per le rendite finanziarie di soggetti che non esercitano attività d'impresa. Per le opzioni binarie vale lo stesso.  

Per quanto riguarda il singolo investitore, le minusvalenze ottenute non sono deducibili, al contrario si applica la tassa al profitto ottenuto.  

 

I broker opzioni inviano un resoconto di tutte le vostre operazioni per poter poi ricavare il totale investito e il totale profitto, informazioni utili in sede di dichiarazione dei redditi.

Il trading opzioni dunque permette di usufruire anche di questa particolarità che ci permette di pagare le imposte solo nel caso di un guadagno effettivamente ritirato.